4 – ARCHIVIO
4 – ARCHIVIO

Domenica 18 settembre -Anello del Monte Maggio

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è image.png

Club Alpino Italiano

Sezione di Gualdo Tadino

RITROVO: Gualdo Tadino – bar ristorante di Valsorda ore 9,00 (auto proprie)

ITINERARIO: come accaduto per tanti anni con il Treno Trekking, e all’inizio dell’estate per l’infiorata di Spello, si rinnova la collaborazione con gli amici della sezione di Gualdo Tadino.
In questo inizio di autunno dal sapore ancora estivo, sarà il Monte Maggio ad essere il protagonista dell’escursione.
Dal piazzale di Valsorda si sale lentamente lungo il sentiero delle Passaiole, che consente delle viste molto panoramiche sulla vallata e delle interessanti osservazioni geologiche (in particolare la buca della Neve, di valenza sia storica che naturale) sino ad aggirare il monte le Senate, che si raggiunge lungo il prato. Si scende sino alla sella con il Monte Maggio, per salire sino alla vetta e ridiscendere per il medesimo percorso. Per la bellissima faggeta nord del monte, si arriva sino al rifugio CAI di Valsorda, ove termina l’anello.

Gpx percorso

NOTE TECNICHE

Difficoltà:E = Escursionistica
Dislivello:700 m. ca.
Tempo di percorrenza:ore 6,00 circa
Lunghezza percorso:km. 8 circa
Equipaggiamento:Scarponcini da trekking ed abbigliamento opportuno che tenga conto delle variazioni meteo soprattutto in caso di pioggia data la mancanza di ripari lungo il percorso. Consigliati i bastoncini.
Pranzo:Al sacco


Iscrizione Riservata a max 30 soci CAI, prenotazione obbligatoria via whatsapp inviata al n.329 0604997 o 348 7495909 entro le 20.00 di venerdì 16 settembre.
L’adesione all’iniziativa implica la conoscenza e l’accettazione dei regolamenti e delle polizze assicurative CAI. Per gli iscritti sarà creato un
gruppo su Whatsapp per eventuali comunicazioni, in alternativa saranno utilizzati messaggi SMS.


Accompagnatori: Luca Perucci, Corrado Mineo, Paolo Belelli, Mauro Tavone, Paolo Stella

Domenica 04 settembre – 35a FESTA DELLA MONTAGNA

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è image.png

Club Alpino Italiano

Sezione di Gualdo Tadino

Partenza: ore 08,30 da Valsorda

Itinerario: A Strada Chiavellara – B Sentiero delle fragole – C creste dei Quarti- Madonnina cima del Serrasanta- D Eremo del Serrasanta- E Rifugio Caciera – F Valsorda- G Rifugio CAI Monte Maggio

Alternativa: chi ritenesse eccessivamente gravosa la salita dei Quarti verso Serrasanta, dal punto C potrà scendere direttamente a Valsorda proseguendo per il sentiero delle fragole (AL tratto azzurro)

Dislivello in salita: 423 m (circa)

Dislivello in discesa: 423 m (circa)

Difficoltà: E

Tempo di percorrenza: 3 h 30’ (circa)

Abbigliamento: scarpe da trekking, indumenti idonei per la temperatura autunnale con maglietta intima di ricambio.

Cosa portare: acqua (o altri liquidi non alcolici) in abbondanza

Pranzo: al rifugio CAI Monte Maggio a Valsorda (10 euro a testa per le spese)

NB. Chi ha intenzione di pranzare al rifugio CAI dovrà comunicare la propria partecipazione entro le ore 13,00 di sabato 3 settembre telefonando (o messaggiando) ad:

Enzo Bozzi

Per informazioni:  

Franco Palazzoni

Pierdomenico Materazzi

Angelo Santarelli

NB: Le uscite in calendario sono aperte ai soli soci CAI in regola con il tesseramento dell’anno in corso. Potranno tuttavia partecipare anche i non iscritti i quali, con la propria partecipazione, si assumeranno personalmente tutti i rischi nonché la responsabilità per i danni che potranno arrecare, direttamente o indirettamente, ad altri partecipanti. L’uscita verrà effettuata in osservanza alle norme anticovid in vigore

Domenica 28 agosto 2022 – Da Valsorda (1004 m) a Monte Cucco (Val di Ranco)(1092)

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è image.png

Club Alpino Italiano

Sezione di Gualdo Tadino

Partenza: ore 07,00 da Valsorda

Itinerario: Valsorda – Passaiola Bassa – Valmare – valico Fossato – Sasso Grande Cima Filetta- M. Testagrossa – Montarone- Val di Ranco

Tempo di percorrenza
: 6 h circa


Dislivello: 871 m in salita- 760 m in discesa


Altitudine minima: 717 m.

Altitudine massima: 1.158 m.


Lunghezza: 18,3 Km


Difficoltà: EE (sia per la lunghezza che per il dislivello)


Come attrezzarsi: scarpe da trekking, cibo per spuntini leggeri durante il percorso, liquidi in abbondanza (non c’è acqua lungo il percorso), maglia intima di ricambio, cappello e giacca a vento


Pranzo: presso un ristorante del luogo o al sacco (chi volesse pranzare al ristorante comunicare la propria adesione a Cesare Capoccia entro le ore 20 di venerdì 26 agosto)


Rientro: primo pomeriggio con mezzi propri.


Per ulteriori informazioni contattare

Angelo Santarelli

Cesare Capoccia


PROSSIME USCITE

Sabato 08 Ottobre
VALSORDA – SERRASANTA (TRAMONTO SUL SERRASANTA)

 

 
Domenica 16 Ottobre

Gualdo – Assisi

 
17-24 settembre

Trekking Monti Iblei

NEWS E COMUNICAZIONI

Il corso di escursionismo delle sezioni di Gualdo e Gubbio

I volontari del CAI di Gualdo Tadino in azione per ripulire i sentieri

Tesseramento 2022

Si informano i soci che è stato avviato il tesseramento al CAI (Club Alpino Italiano) sia per i rinnovi dei soci già iscritti e sia per coloro che vogliono iscriversi per la prima volta. Le quote sono rimaste invariate rispetto allo scorso anno.

Eletto il nuovo Consiglio della sezione CAI di Gualdo Tadino.

 

Franco Palazzoni confermato Presidente

I volontari del CAI di Gualdo Tadino in azione per ripulire i sentieri

Le ultime nevicate e, soprattutto, i forti venti che le hanno accompagnate, hanno creato una vera e propria situazione di emergenza in alcuni tratti dei sentieri della montagna gualdese.

Molti alberi caduti, in prevalenza pini, o spezzati a metà e rami piegati fino a terra hanno ostruito in diversi punti i percorsi pedonali e ciclistici che attraversano la montagna gualdese, sia sui versanti del Monte Maggio e Monte Senate che del Serrasanta, del Fringuello e del Penna.

I volontari della sezione Cai di Gualdo Tadino, armati di motosega, tagliarami, forbici e marracci, si sono messi in azione per liberare i sentieri dagli ostacoli arborei che obbligano gli escursionisti a fare delle deviazioni nel bosco in molti punti.

L’intervento ha già riguardato il sentiero 215 (dal curvone sulla strada di Serrasanta alla Balza di Mezzogiorno), il sentiero 224 (Razzipante), il sentiero 222 (parzialmente) e 222 bis (sentiero delle due Valli da San Guido a Valmare). In una prossima giornata dedicata a questo progetto, il Cai interverrà sui sentieri  212 (dalla Pineta del soldato alla strada dei Renacci e Cava del ferro) ed il 210 (Passo della Sportola).

I volontari del Cai interverranno sui 18 sentieri segnati, tabellati e mappati con il GPS, sui quali il Club ha una responsabilità diretta. 

La rete sentieristica della montagna gualdese è anche più vasta, ma la rimozione di eventuali ostacoli arborei che fossero presenti su sentieri non rientranti sui percorsi tabellati è lasciata alla volontà di chi, eventualmente, si troverà a percorrerli.

Anche il sentiero 216 che risale la Valle del Fonno lungo la strada necessita di un intervento per riaprirne un tratto di una cinquantina di metri (a monte di Pian della Croce, deviazione per il fontanile di Campetella) completamente ostruito da una vegetazione alta oltre un metro e mezzo. “Ma qui – sottolinea il CAI – bisognerà capire l’evolversi del progetto Rocchetta (se si farà e quando si farà) che interessa anche quel tratto di strada fino all’incrocio con la strada degli Elci.”

Redazione Gualdo News